.
.

T R A N S L A T E

mercoledì 30 dicembre 2009

Una bella novità!



Carissime, da oggi alcuni dei miei tutorial saranno presenti anche sulla rivista on line Donne sul web, un portale interamente dedicato al mondo femminile.
I temi trattati sono molteplici, dal lavoro ai sentimenti, dalla cucina agli hobbies, dalla cultura all'economia e molti altri.

E' proprio nella sezione Freetime, rubrica Hobby, che troverete il mio tutorial sul pomander ed altri ancora ne seguiranno in futuro.

Vi invito a fare una capatina, sicuramente troverete qualche argomento di vostro interesse.
°^°^°
Io mi assenterò per qualche giorno, vado alla Bicocca, ci ritroveremo al mio ritorno.
Buone Feste a tutte!
°^°^°^°^°

Due romantiche immagini.

Alcuni oggetti vintage.
°^°^°^°^°
Decorazioni natalizie e roselline secche.
°^°^°^°^°
E su queste immagini voglio augurare, a tutti coloro che passeranno dal mio blog in questi giorni, un 2010 sereno ma anche creativo!
°^°^°^°^°

martedì 29 dicembre 2009

Shabby chic e punto croce.


In questi giorni di festa, dedicandomi alla cucina (ho avuto tutto il parentado a casa mia) non ho potuto produrre molto.
Sono riuscita però a completare alcune cornici grezze che ho dipinto in stile shabby chic.
I ricami a punto croce erano invece finiti da un pezzo ed aspettavano solo di essere incorniciati.
Non male vero?
Penso di ambientarli nella camera da letto della bicocca, dove ho scelto il bordeaux come colore predominante.

°^°

°^°

Altri lavori sono in cantiere, ve li mostrerò appena pronti.

°^°^°^°^°

mercoledì 23 dicembre 2009

Auguri!!!!!

Buon Natale!


- Alle mie 67 sostenitrici (in soli 2 mesi di vita del mio blog non mi aspettavo davvero tanto!).

- A chi mi legge e generalmente lascia una traccia del suo gradito passaggio.

- A chi visita il mio blog in punta di piedi, sperando che presto trovi lo stimolo o semplicemente la voglia di presentarsi!

A tutti, ma proprio tutti, i miei migliori auguri di un sereno Natale!!!

°^°^°^°^°

Campanella shabby chic.

Una piccola campanella e di seguito le istruzioni per il fai-da-te.
°^°

°^°

°^°

°^°

°^°
Materiale occorrente:

Un piccolo vasetto di terracotta
Un tassello di legno da falegname (con diametro sufficiente ad essere incastrato nel foro del vasetto)
Carta per decoupage con motivi piuttosto piccoli
Colla vinavil diluita con un po’ di acqua (deve avere la consistenza dello yogurt)
Un pezzetto di cordoncino in tinta con la carta utilizzata
Colori acrilici avorio e argento (oppure oro)
Vernice trasparente protettiva all’acqua
Un pezzetto di creta (tipo DAS)
Colla a caldo

Esecuzione:

1) Ritagliare accuratamente le immagini scelte.
2) Inserire il tassello di legno nel foro del vasetto in modo che sporga all’interno di circa 1cm. (ci si può aiutare con un martelletto, battendo sul tassello con molta attenzione per non rompere il vasetto).
3) Verniciare il vasetto con il colore acrilico avorio. Lasciare asciugare per un paio di ore.
4) Verniciare il tassello con il colore argento (oppure oro) e tamponare con una spugnetta lo stesso colore evidenziando il bordo del vasetto. Con la spugnetta pochissimo intrisa di colore fare anche una leggerissima tamponatura su tutto il vasetto creando un leggero effetto iridescente. Lasciare asciugare 2 ore.
5) Incollare le immagini di carta ritagliate facendo attenzione a non creare bolle d’aria.
6) Lasciare asciugare molto bene (un paio di ore).
7) Rifinire con più mani di vernice trasparente all’acqua in modo tale che al tatto non si noti lo “scalino” della carta. Lasciar asciugare molto bene tra una mano e l’altra (secondo i tempi di asciugatura riportati sulla confezione).
8) Con il pezzetto di creta formare una pallina di un paio di cm. di diametro (per creare il batacchio) e ingobare 1,5 cm. di una delle estremità del cordoncino. Lasciar solidificare e verniciare con lo stesso colore usato per la tamponatura.
9) Incollare l’altra estremità del cordoncino, all’interno del vasetto, facendo un paio di giri intorno alla parte di tassello che sporge e regolando la lunghezza del cordoncino in modo che la pallina non sporga dal bordo.
°^°^°^°^°

martedì 22 dicembre 2009

Candele di Natale.

Per la tavola di Natale, due portacandele in gesso ceramico con le relative istruzioni.

°^°

°^°

°^°

°^°
°^°

Materiale occorrente:

Stampi per gesso (Prandell) – sono in vendita presso i negozi di hobbistica o belle arti
Gesso Ceramico
Un recipiente e una forchetta per miscelare il gesso
Acqua
Colori acrilici blu, oro e argento
Vernice trasparente protettiva


Esecuzione:

1) Miscelare il gesso con acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Le dosi generalmente sono: una parte di acqua e tre di gesso. Mettere l’acqua nel recipiente e aggiungere lentamente il gesso (mescolando con una forchetta) e non viceversa. E’ importante mescolare delicatamente per evitare la formazione di bolle d’aria.

2) Versare lentamente il composto nello stampo e lasciare asciugare almeno per 12 ore.

3) Sformare l’oggetto (come si fa con i cubetti di ghiaccio).


4) Colorare a piacimento con colori acrilici, lasciare asciugare completamente (i colori acrilici hanno un tempo di asciugatura piuttosto breve che comunque dipende dalla temperatura dell’ambiente. Si consiglia comunque di lasciar asciugare per almeno due ore per evitare brutte sorprese).

5) Rifinire con una vernice trasparente incolore (i tempi di asciugatura dipendono dal tipo di vernice usata, leggere le istruzioni riportate sulla confezione).

Consiglio: per far sì che la candela stia in posizione eretta e non cada si consiglia di incollare con un po’ di Attak, all’interno del suo alloggiamento, una puntina da disegno con la parte appuntita verso l’alto.

°^°^°^°^°

lunedì 21 dicembre 2009

Decorazioni natalizie.


Vi sono piaciute le decorazioni natalizie che ho inviato alle due vincitrici del concorso?
Di seguito ve ne mostro altri esempi e le istruzioni per realizzarle.






Materiale occorrente:

Cartone rigido, tovaglioli di carta decorati, colla stick, vernice all'acqua trasparente, colla a caldo, cordone ed un fiocchetto in tinta, un pezzetto di cordoncino sottile.

Esecuzione:

  • Dividere gli strati del tovagliolo tenendo da parte solo il primo, quello decorato.
  • Se il cartone non è bianco, ricoprirlo con un foglio di carta bianca incollandolo con la colla stick (un fondo più scuro altererebbe i colori del tovagliolo, costituito da uno strato quasi trasparente). Lasciare asciugare completamente.
  • Ritagliare con un taglierino il cartone dandogli la forma voluta (può essere un cerchio, un rombo, un cuore, ecc.
  • Appoggiare lo strato decorato del tovagliolo a secco sulla forma, centrando il decoro che si vuole utilizzare. Con un pennello morbido piatto largo 2 cm. stendere delicatamente sul tovagliolo la vernice all’acqua cercando di non creare grinze. Lo strato del tovagliolo è molto sottile e la vernice passerà sotto incollandolo alla forma, in più farà da protezione.
  • Lasciare asciugare molto bene (leggere i tempi di asciugatura sulla confezione della vernice), ritagliare la parte eccedente del tovagliolo e dare una seconda mano di vernice trasparente.Volendo si può seguire lo stesso procedimento sull’altra facciata della forma, in modo da avere entrambi i lati decorati. Questo può essere utile se si vuole appendere la decorazione al vetro di una finestra, ad un lampadario o a qualunque posto dove possa essere visibile da entrambi i lati.
  • Bordare la decorazione con un cordone in tinta o dorato incollandolo con un filo sottile di colla a caldo (che ha una presa immediata).
  • Piegare in due il cordoncino sottile (che farà da supporto) e fare un nodo all’estremità aperta. Applicare sulla decorazione, dalla parte del nodo, con un punto di colla a caldo, in modo che una delle estremità del cordoncino che escono dal nodo sia incollata sulla facciata anteriore e l’altra su quella posteriore (questo accorgimento serve per dare più stabilità alla decorazione quando sarà appesa).
  • Incollare un fiocchetto di nastro sul punto di incollaggio per nascondere il tutto.
°^°^°^°^°

sabato 19 dicembre 2009

I premi del concorso.


Questa mattina ho spedito le raccomandate con i premi per la concorrente vincitrice del concorso e la lettrice votante estratta a sorte.
Le informazioni che sono riuscita a reperire sulle due vincitrici mi hanno permesso di personalizzare i premi inviati, spero di aver scelto bene.

°^°^°
Per Samantha (la concorrente vincitrice): un decoro natalizio, un asciughino con inserto in tela aida da ricamare a punto croce, una collana shabby ed un mix di soggetti per decoupage.

°^°

Per Mony (la lettrice votante): un quadernetto con copertina da decorare (Mony si diletta nello scrapbooking), un mix di soggetti per le sue decorazioni, un decoro natalizio ed una collana shabby.


°^°^°

Mi auguro che siano di vostro gradimento!
°^°^°^°^°

giovedì 17 dicembre 2009

Pomander.

Oggi voglio parlarvi delle pomander, belle e profumate che in questo periodo dell'anno creano ancora di più un'atmosfera intima e raccolta nelle nostre case.
Le pomander sono sfere profumate naturali preparate con agrumi che vengono ricoperti di chiodi di garofano e decorati con nastri e passamanerie.
Diffondono una gradevole fragranza negli ambienti e, se appese negli armadi, profumano la biancheria proteggendola dalle tarme.
Qualcuno attribuisce alle pomander effetti benefici sul corpo e sulla psiche (del resto i profumi gradevoli ci fanno sentire meglio, no?) e nel passato si pensava che avessero effetti curativi per la presenza delle spezie.

Prepariamone una insieme.
----------------------------
Materiale occorrente: una arancia (in alternativa un limone, un mandarino o altri agrumi a scelta), chiodi di garofano, nastro o passamaneria, un cordino per appenderla, qualche spillo, spiedino o stuzzicadenti.


Con uno spiedino o uno stuzzicadenti praticate almeno una ventina di fori sulla buccia.

Mettete l'arancia nel microonde appoggiandola su una griglia sotto la quale dovete inserire un piatto per raccogliere il succo che fuoriuscirà. Azionate il microonde a 500 watt per 4 minuti. Dai fori precedentemente praticati uscirà il succo (in parte schizzerà sulle pareti del forno, quindi armatevi di un panno umido per ripulire subito dopo).
Questo procedimento credo sia una mia invenzione, l'ho messo a punto perchè, eliminando il succo si abbreviano i tempi di asciugatura e si scongiura il pericolo che l'arancia marcisca o si sviluppino muffe.
Terminata questa fase estraete dal forno l'arancia. Sarà un po' calda, quindi fate attenzione a non bruciarvi.


Appena si sarà intiepidita avvolgete due pezzetti di passamaneria (o nastro) come nella foto e fermatela in alto con alcuni spilli.

Procedete ora ad inserire i chiodi di garofano. Per agevolare questa operazione praticate prima un foro con lo spiedino o stuzzicadenti.



 

Continuate ricoprendo tutta la superficie dell'arancia.


Aiutandovi con lo spiedino o stuzzicadenti praticate un foro alla sommità ed inserite il cordino per appenderla.

Fate asciugare bene in un luogo caldo e asciutto (ad es. sopra un termosifone), inserendola in un sacchetto di carta (tipo quello del pane). Occorreranno diversi giorni, sarà pronta quando, pressandola leggermente, sentirete che si è indurita.

Vi accorgerete che l'arancia è anche diminuita di volume, è per questo che vi ho detto di puntare la passamaneria con gli spilli, infatti ora dovrà essere accorciata per adeguarla al nuovo volume.
Ora potete dare qualche punto per fissare la passamaneria e il cordino per appenderla.






La pomander durerà tanti anni, ma ovviamente il suo profumo col tempo tenderà ad affievolirsi.
Per rinnovarlo mettetela  in un sacchetto di carta ed aggiungete un miscuglio di chiodi di garofano, cannella e noce moscata, ridotti in polvere. Scuotete leggermente il sacchetto e lasciate riposare per una settimana, poi estraetela e scrollatela delicatamente per eliminare la polvere in eccesso.
La nostra pomander   tornerà come nuova!!!


mercoledì 16 dicembre 2009

Shabby chic.


Io continuo a parlare di Shabby chic dando per scontato che tutte voi sappiate esattamente di cosa si tratti.
Recentemente mi sono però pervenute via mail richieste di delucidazioni (l'ultima in ordine di tempo dalla carissima Monyka) in seguito alle quali mi sono resa conto che non è così.
E' arrivato quindi il momento che io spenda qualche parola in merito.

Il termine Shabby chic significa letteralmente "trasandato elegante" e fu coniato negli anni '80 in Gran Bretagna dalla rivista di arredamento "The world of Interiors" ma divenne molto popolare negli anni '90 negli USA ad opera della designer Rachel Ashwell.

Lo stile Shabby chic evoca gli ambienti tipici delle case di campagna di una volta caratterizzati da un'atmosfera confortevole, accogliente e romantica. Predominano i colori chiari: il bianco, l'avorio ed in generale tutti i colori pastello nelle tonalità spente come l'azzurro polvere, il rosa cipria ed il verde salvia. Tali ambienti sono contraddistinti da mobili ed oggetti vintage che mostrano i segni del tempo come verniciature scrostate e consumate agli angoli ed agli spigoli che lasciano intravvedere le venature del legno o il colore di un vecchio strato di vernice. I tessuti sono rigorosamente naturali come il cotone e il lino, in tinta unita (bianco, avorio o colori pastello "polverosi") o con motivi floreali (particolarmente rose).

In poche parole, lo stile Shabby chic non è solo decorativo, è un vero e proprio stile di vita basato sull'amore per le cose semplici e la nostalgia di un tempo passato che non c'è più!

°^°^°^°^°

martedì 15 dicembre 2009

And the winners are...


Ecco arrivato il fatidico momento. Per quanto riguarda la concorrente vincitrice del concorso, tutti voi avete potuto fare i conteggi e quindi non credo di darvi una notizia esclusiva.


La vincitrice è:
.
1) Samantha M. con 13 voti

E, di seguito:

2)Marina (Ali di libellula) con 6 voti

3) a pari merito con 5 voti: Claudia (La maison de Camille), Mony (Le idee di Mony), Rosa (Il filo che crea).

Bene, complimenti alla vincitrice, ma anche a tutte le altre concorrenti che con i loro bellissimi lavori hanno arricchito il mio blog.

°^°^°

Procediamo ora con l'estrazione della fortunata lettrice votante.
Ecco tutti i vostri voti stampati.


Una bella mescolata. Le manine sono quelle di mia figlia Valentina, a chi porteranno fortuna?



A Mony, autrice del blog I post-it di Mony, che ha votato la sedia di Giuli.

Per Samantha e Mony: aspetto i vostri indirizzi per inviare il vostro premio.

°^°^°

Spero che il concorso vi sia piaciuto, penso di ripeterlo in futuro anche per dare spazio a chi per motivi vari non ha potuto partecipare.

Ancora un grazie al tutte le bravissime concorrenti e a tutte/i coloro che hanno partecipato votando questi splendidi lavori.

°^°^°

lunedì 14 dicembre 2009

Uno spazio per voi.


Innanzi tutto grazie per le dimostrazioni di affetto che mi avete dato, mi fa piacere sapere che anche voi amate molto gli animali.

Il concorso è ormai scaduto e oggi, tra le tante cose da fare, non sono riuscita nè a tirare le somme nè a sorteggiare la lettrice che vincerà il premio. Oltre alle incombenze quotidiane mi sto dedicando ad un progetto del quale voglio darvi una piccola anticipazione: è in preparazione un tutorial tutto shabby chic, ma non solo! Spero che gradirete molto la sorpresa.

L'appuntamento per la fase finale del concorso è quindi rimandato a domani sera quando sapremo il nome delle due vincitrici (concorrente e lettrice votante).

domenica 13 dicembre 2009

Oggi sono triste!


Il mio coniglietto Bunny oggi è morto. Aveva otto anni e mezzo, era un centenario se rapportati agli anni umani.
Ultimamente era molto dimagrito anche se ha continuato a mangiare con appetito. Gli davo il ricostituente ogni giorno ma ormai era un vecchietto stanco di vivere.
Ciao batuffolino morbido, ora sgambetta felice in un campo di carote tutte per te!




°^°^°^°^°

giovedì 10 dicembre 2009

Scambio natalizio.

Buongiorno a tutte!
Ricordate che qualche giorno fa (in questo post) vi ho parlato dello scambio di regali a cui ho partecipato?
Con la mia abbinata mamma F, autrice del blog Natixdelinquere, ieri ci siamo incontrate durante la pausa pranzo per conoscerci e per scambiarci i nostri pacchetti.
E' stato un incontro molto piacevole, mamma F è una ragazza davvero molto simpatica e ringrazio questa iniziativa che mi ha permesso di conoscerla.

Ma veniamo ai nostri pacchettini, ecco il suo regalo:

Come potete vedere c'è la foto sull'inverno (è un mix di foto da lei stessa scattate), ci sono gli oggetti natalizi: l'alberello portacandelina e il piatto, a proposito del piatto ci tengo a dirvi che è opera anche del piccolo Simone che ha aiutato la mamma a realizzarlo. Bravo Simone, sei già un piccolo artista, continua così!!! Per finire i ciondoli: sono sassi molto particolari, raccolti da mamma F durante le sue passeggiate. Possono essere appesi perchè hanno un foro che la natura stessa ha creato. Molto originali!
°^°^°
Ecco invece il mio pacchetto:

L'oggetto natalizio.
°^°
Le foto sull'inverno. Sono immagini del Natale in stile vittoriano.

°^°
Il ciondolo con il quale ho realizzato una collana.

°^°
Ed infine ho pensato alla sua cucina aggiungendo questi due piccoli quadretti di legno con applicazioni di gesso dipinte in stile shabby chic.
°^°^°^°^°
GRAZIE PER LA VISITA - clicca su "Post più vecchi" se desideri vedere le pagine precedenti.

La mia casa

La bicocca

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il mio blog è segnalato su:

Aggregatore rss
Search engine