.
.

T R A N S L A T E

mercoledì 6 ottobre 2010

Alchechengi.

L'Alkekengi o alchechengio (Physalis alkekengi L.) è una pianta perenne che produce bacche commestibili; appartiene, come il pomodoro e la patata, alla famiglia delle Solanaceae.
Date le sue proprietà omeopatiche e medicinali è coltivata fin dall'antichità. È un'erbacea perenne e si riconosce facilmente per i calici che avvolgono la bacca, simili a piccoli lampioni arancioni. Al tatto il calice ha consistenza quasi cartacea e spesso è poroso.
Si coltiva facilmente, dà origine ad un rizoma strisciante interrato molto profondamente: in questo modo è permessa la propagazione e la rivegetazione conseguente alla stasi invernale.
Il fiore è bianco, piccolo e a forma di campanella, spunta all'ascella delle foglie; tipici i calici arancioni di consistenza simile alla carta. Fioritura estiva (da luglio ad agosto).
La foglia è verde chiara e ovale, di una lunghezza tra i 5 e gli 8 cm. Le foglie e il rizoma sono velenosi perché contengono solanina che provoca mal di testa, vomito, nausea e diarrea.
Esposizione. La crescita della pianta è favorita dall'esposizione non diretta ai raggi solari: preferisce poca ombra.
Le bacche sono l'unica parte commestibile della pianta. In genere sono mature a settembre ed hanno la forma di una piccola ciliegia. Dalle bacche si può ricavare un'ottima marmellata. Si possono mangiare da sole o aggiunte alle insalate. Se seccate leggermente si possono mettere sott'aceto o in salamoia. Contiengono una grandissima quantità di vitamina C, acido citrico, tannino e zucchero. In erboristeria si usavano per le malattie in cui c'era bisogno di un'azione diuretica marcata. Vengono preparate candite o ricoperte di cioccolato fondente.
(Fonte Wikipedia)

Gli Alchechengi nel mio giardino ci sono ed in questo periodo sono maturi. Io li coltivo esclusivamente a scopo ornamentale perchè ho assaggiato le bacche ma il gusto non mi è proprio piaciuto.




Disposti in un vaso sono molto decorativi, vi piacciono?

16 commenti:

  1. Ma che meraviglia la natura, vero?
    Bello lo specchio Rosa, mi piae molto, è così raffinato.
    Per i miei lavori, anch'io ci sono rimasta un pò quando ho visto gli strass sui miei ricami, avrei preferito che fossero lasciati così, specialmente per il fatto che sono destinati a dei bambini, quindi qualcosa di semplice sarebbe stato più opportuno, ma alla fine il lavoro è stato affidato a chi me l'ha commissionato, de gustibus...
    grazie per la tua sincerità, l'apprezzo molto, che poi la condivido anche!

    RispondiElimina
  2. Sono meravigliose! Dalle nostre parti si usano moltissimo e sono molto apprezzate. Non tutti la conoscono per quello che è, e mi ha fatto piacere leggere il tuo post.
    Buona giornata.
    Michela

    RispondiElimina
  3. stupendi! Pensa che io non avevo mai visto la pianta, in vaso poi sono una delizia!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno cara,
    li conosco perchè ho parenti (compresi i miei suoceri) con giardino che li coltivano, e generosamente "elargiscono"...
    ...bene o male, o io o la mia mamma in casa li abbiamo sempre avuti!
    Rappresentano una delle "chicche" decorative autunnali ormai x me irrinunciabili...
    (Però non li ho mai assaggiati...
    ...grazie di dissuadermi dal provarci !!! Certo, "non tutti i gusti sono alla menta" - io adoro le fragole -, ma di te ho imparato a fidarmi ciecamente !!! )

    Un caro abbraccio

    Maddy

    RispondiElimina
  5. Mi piacciono veramente e per di piu' il colore é quello tipico del mese di ottobre!!!
    Ciao ciao, a presto
    Silvia

    RispondiElimina
  6. Anche io li ho visti coltivati,però non li ho mai assaggiati.Come decorazione sono belli e tipici autunnali.Nelle mie zone però penso che siano poco conosciuti.Baci.

    RispondiElimina
  7. Ciao miro grazie per la spiegazione dettagliata, hai ragione da soli sono un po' aspri, con il cioccolato, li mangiamo per il cioccolato, alla fine farne un abbellimento floreale se si hanno a disposizione, e' una bella idea poi sono allegri arancioni, brava, bella composizione, baci a presto buona serata rosa

    RispondiElimina
  8. che pianta bellissima. l'avevo già vista ma non sapevo cosa fosse. grazie

    RispondiElimina
  9. Io non la conoscevo proprio, è molto decorativa e nel tuo vaso l'effetto è fantastico!!!
    Baci
    Francy

    RispondiElimina
  10. Io a dire il vero non le ha mai viste dal vivo e neppure "in natura" ma solo preparate come dolcetti e ad essere sincera anche a me non è che siano piaciute.. Però in vaso come decorazione fanno proprio un bel figurone con il loro colore che fa proprio autunno.
    Un bacio cara ciao ciao e auguri per il mercatino, ne faccio anch'io due questo weekend.
    Rosy

    RispondiElimina
  11. Ciao Miro, non sapevo che questi "fiori" fossero Alchechengi. Si possono anche essicare?

    RispondiElimina
  12. Ciao a tutte, rispondo qui a Lorella in quanto la sua domanda può interessare anche ad altre.
    Gli Alchechengi si possono seccare e durano moltissimo, con il tempo il colore tende a sbadire leggermente e devo dire che a me piacciono anche di più, visto che non amo i colori accesi.

    RispondiElimina
  13. Ciao Rosa, c'e un regalino per te!^_^

    Bacioni

    Marica

    RispondiElimina
  14. Ciao Rosa, grazie per l'informazione. Penso anch'io che seccati debbano essere parecchio decorativi.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  15. Ciao Rosa, complimenti per il premio Happy, chi piu' di te lo merita? ciao bacioni rosa buona serata

    RispondiElimina
  16. mmmmmm...io li adoro ricoperti di cioccolato amaro!! troppo buoni...
    Baci
    Samy

    RispondiElimina

GRAZIE PER LA VISITA - clicca su "Post più vecchi" se desideri vedere le pagine precedenti.

La mia casa

La bicocca

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il mio blog è segnalato su:

Aggregatore rss
Search engine